Endometriosi Chirurgia escissione

Trattamento dell’endometriosi con chirurgia laparoscopica escissione avanzata

L’escissione di endometriosi è considerato il “gold standard” per il trattamento e richiede un esperto con notevole capacità ed esperienza. Dr. Seckin, uno di una manciata di medici in tutto il mondo che è sapientemente addestrato e di grande successo nella chirurgia avanzata di escissione laparoscopica per l’endometriosi, è un pioniere in questo campo. Ha studiato con il Dr. Harry Reich, M. D., uno dei chirurghi laparoscopici più celebrati nel mondo. Dr. Reich è un pioniere in endoscopia ed eseguito il primo intervento di isterectomia laparoscopica nel 1989.

La chirurgia laparoscopica è il trattamento più avanzato per l’endometriosi perché offre la rimozione permanente degli endometriomi e offre il massimo sollievo dal dolore. Questa chirurgia include l’escissione degli endometriomi e del tessuto cicatriziale e delle aderenze. La chirurgia laser, spesso la prima scelta di molti medici oggi, è molto meno efficace perché brucia solo lo strato superiore del tessuto endometriale, consentendo all’endometrioma e all’endometriosi di ricrescere rapidamente. La chirurgia laparoscopica per l’endometriosi è un’opzione efficace, meno invasiva, che fornisce i massimi risultati per la rimozione totale di tutte le malattie.

La chirurgia laparoscopica per l’endometriosi consente anche al Dr. Seckin e al Dr. Goldstein di rimuovere in modo sicuro e con successo l’endometriosi da tutte le aree con il minimo rischio di danni alle strutture vitali sottostanti. Utilizzando la dissezione acuta, sono in grado di sradicare completamente tutte le forme di endometriosi, tra cui MORIRE (endometriosi infiltrante profonda) e aderenze. L’escissione chirurgica degli impianti endometriali fornisce il miglior sollievo sintomatico e risultati a lungo termine. Il risultato è una migliore fertilità, il ripristino della normale anatomia pelvica e l’eradicazione dei sintomi.

L’escissione può essere eseguita con qualsiasi strumento chirurgico, a seconda delle preferenze del chirurgo. Dr. Seckin utilizza il sistema da Vinci con la sua fotocamera ad alta definizione 3-D che consente l’escissione precisa dell’endometriosi. La sua chirurgia dell’endometriosi viene eseguita utilizzando forbici fredde e controllo del sanguinamento capillare bipolare per mantenere la superficie del tessuto il più liscia possibile.

chirurgia dell'endometriosi, chirurgia dell'escissione dell'endometriosi, che cos'è la chirurgia dell'escissione

Chirurgia minimamente invasiva

Il termine “chirurgia minimamente invasiva” viene gettato abbastanza spesso nel campo della chirurgia riproduttiva. Come paziente, è importante assicurarsi che il chirurgo sia in grado di determinare una forma di trattamento più efficace per te, garantendo anche un’invasione minima.

Crediamo che la chirurgia robotica non sia mai il metodo giusto per trattare l’endometriosi. Sebbene possa essere in prima linea nello sviluppo tecnologico minimamente invasivo, consideriamo la chirurgia robotica per l’endometriosi come la forma” la più invasiva ” di chirurgia minimamente invasiva. Ciò è perché richiede tipicamente più siti dell’incisione che sono più grandi di diametro che nella chirurgia normale di escissione. C’è anche un tasso maggiore di errore robotico rispetto agli umani. Infatti, in un articolo pubblicato sul Journal for Healthcare Quality (2011), i ricercatori della John Hopkins University hanno scoperto che i materiali promozionali sulla chirurgia robotica elencati sui siti Web ospedalieri generalmente sovrastimavano i benefici della chirurgia robotica, ignoravano i rischi associati e potrebbero essere stati influenzati dai produttori. Per questi motivi, crediamo fortemente che le incisioni fatte a mano e la chirurgia di escissione siano il modo corretto per garantire ai nostri pazienti la chirurgia mini-invasiva che meritano.

chirurgia mini-invasiva
Chirurgia mini-invasiva

Escissione completa

Utilizzando la nostra tecnica brevettata Aqua Blue Contrast (ABC), ci assicuriamo che nessuna lesione dell’endometriosi non venga rilevata. Per l’occhio di un chirurgo, questo contrasto blu acqua rende l’endometriosi “brillare” come stelle nel cielo notturno. Somministrando ABC durante l’intervento chirurgico, siamo in grado di identificare chiaramente e quindi asportare tutti i sospetti tessuto cicatriziale endometriosi.

Uno degli aspetti chiave della rimozione chirurgica dell’endometriosi che è spesso trascurato tra i chirurghi è la necessità di rimuovere le lesioni dell’endometriosi nella loro interezza. Quando i chirurghi eseguono procedure come l’ablazione laser (uso di un raggio laser) e la fulgurazione (uso dell’elettricità per produrre calore) al fine di “distruggere” queste lesioni, rimuovono solo il tessuto cicatriziale a livello superficiale, non il nodulo. Lesioni endometriosi di solito si estendono molto più profondo di appena la superficie del tessuto ed è fondamentale che il nodulo viene rimosso alla radice, e nella sua interezza, se il paziente è veramente andare a sperimentare un sollievo dei sintomi.

Endometriosi Iceberg Teoria

Dr. Seckin ama pensare di endometriosi come un iceberg. Il picco è sopra l’acqua, ma la massa dell’iceberg rimane sommersa sott’acqua. “Radersi” dalla cima dell’iceberg sembrerebbe lasciare una superficie liscia. Ciò che in realtà si verifica, tuttavia, è che la più grande – e più densa – una porzione dell’iceberg è stata lasciata dietro sotto la superficie. Questo è analogo alla rimozione superficiale degli impianti endometriosi attraverso le tecniche di ablazione, vaporizzazione, cauterizzazione o fulgurazione. La malattia è lasciata prosperare e i sintomi si ripresenteranno.

Al contrario, con l’escissione profonda, l’intero “iceberg” – il nodulo dell’endometriosi – viene “animato”, senza lasciare alcuna malattia residua, conferendo bassi tassi di reintervento e risultando in un risultato di grande successo per un sollievo a lungo termine e senza endometriosi. Questo è il motivo per cui crediamo fermamente che non esiste un metodo migliore della chirurgia di escissione profonda quando si tratta di rimuovere completamente l’endometriosi.

 Escissione profonda di Seckin
L’importanza di “escissione a freddo”

L’importanza di”escissione a freddo”

Crediamo che “escissione a freddo” è il modo migliore per rimuovere le lesioni endometriosi. Usiamo “escissione a freddo” per significare che non viene utilizzata elettricità o alta energia per rimuovere il tessuto cicatriziale. Quando un chirurgo usa il calore per rimuovere o distruggere lesioni, come l’ablazione, la fulgurazione o anche alcuni interventi chirurgici di escissione, aumenta la possibilità di lasciare tessuto bruciato, che causerà ulteriore dolore. Un chirurgo dovrebbe sempre mirare a dare a un paziente la più alta possibilità di sollievo dai sintomi, e crediamo che la chirurgia “escissione a freddo” sia il modo migliore per garantire questo.

Strategia di visualizzazione acuta

Aqua Blue Contrast (ABC) technique
Utilizzando la nostra Aqua Blue Contrast (ABC) technique, siamo in grado di identificare facilmente le lesioni da endometriosi.

Come notato prima, uno dei modi chiave per individuare l’endometriosi è attraverso l’angiogenesi e il processo infiammatorio che si svolge nel peritoneo. Il chirurgo dovrebbe avere una comprensione di questi tipi di sfumature mediche al fine di garantire che possano identificare sia le lesioni endometriosi atipiche che quelle tipiche. Un modo questo può essere fatto è attraverso la modifica dello spettro dei colori del peritoneo utilizzando idro-galleggiamento con colore di contrasto e distensione retroperitoneale. Il chirurgo può quindi visualizzare le lesioni dell’endometriosi che altrimenti non sarebbero rilevabili mediante ispezione laparoscopica standard. Per ottenere questo risultato, utilizziamo il Seckin Aqua Blue Excision (SABE)™. Utilizzando la nostra tecnica di marchio registrato, siamo in grado di identificare tutte le forme di lesioni endometriosi visibili ad occhio nudo, garantendo così l’escissione del maggior numero possibile di lesioni endometriosi.

Casi avanzati

Anche in casi complicati di endometriosi infiltrante profonda (DIE), la chirurgia di escissione è la migliore opzione di trattamento quando nelle mani di un chirurgo esperto.

Nei casi di endometriosi avanzata, dove l’architettura pelvica è deformata e gli organi sono fusi in vari gradi di aderenze, la chirurgia di escissione può essere più difficile e complicata della maggior parte degli interventi chirurgici sul cancro. Tuttavia, è ancora molto possibile se eseguito da un esperto chirurgo laparoscopico di asportazione profonda, che dovrebbe svolgere l’ultimo compito ricostruttivo di debulking meticolosamente e minuziosamente lesioni end per ripristinare l’anatomia pelvica. L’abilità del chirurgo di escissione è più importante per quanto riguarda la riparazione e la ricostruzione degli organi in cui è stata rimossa la malattia infiltrativa profonda. Nessun chirurgo dovrebbe tentare la chirurgia di escissione dell’endometriosi se non hanno imparato le tecniche di sutura per la riparazione dell’intestino e della vescica. Il sottile rivestimento trasparente che copre più superfici di organi del retto, del colon sigmoideo, degli ureteri, della vescica, delle ovaie, dei tubi e dell’utero è chiamato peritoneo. Poiché l’endometriosi coinvolge principalmente il peritoneo pelvico, il chirurgo di escissione dell’endometriosi deve essere comodo operare sulle superfici superficiali e sugli strati profondi di questi organi non riproduttivi. Non di rado, la scoperta intraoperatoria di lesioni endometriosi profondamente infiltrative (DIE) dell’intestino, della vescica e dell’uretere richiede una delicata riparazione di questi organi e deve essere eseguita da un chirurgo esperto e abile dell’endometriosi e dal suo team di endometriosi.

Conservazione dell’organo

Il metodo preferito di rimozione chirurgica di molti chirurghi è attraverso l’ablazione laser o la fulgurazione. Entrambi questi metodi cercano di” distruggere ” l’endometriosi sia per mezzo di irradiazione del raggio laser o calore prodotto da correnti elettriche ad alta frequenza. Tuttavia, conducendo questi tipi di interventi chirurgici distruttivi, il chirurgo non solo non rimuove completamente tutta l’endometriosi, ma mette a repentaglio anche il tessuto sano circostante. Inoltre, distruggendo il campione di tessuto cicatriziale endometriosi, il chirurgo perde l’opportunità di confermare formalmente con patologia che il tessuto cicatriziale creduto, infatti, contiene tessuto endometriale, confermando così l’endometriosi. Crediamo che sia fondamentale trattare il tuo corpo con la sensibilità e la cura che merita, che include fornire ai nostri pazienti una diagnosi completa e completa insieme al trattamento. Pertanto, la nostra esperienza nella chirurgia di escissione unita al nostro forte senso di lavoro di squadra con il laboratorio di patologia ci consente di rimuovere in modo innocuo tutte le lesioni sospette dell’endometriosi e confermare una diagnosi corretta.

Risultati post-operatorio

Periodo di recupero

Il periodo di recupero di un paziente dopo l’intervento di asportazione dell’endometriosi varia. Una donna che subisce un intervento chirurgico di tre ore per avere l’endometriosi rimosso da una piccola area probabilmente recuperare molto più rapidamente di una donna che ha un intervento chirurgico di otto ore per rimuovere le lesioni da diversi organi. Il nostro obiettivo con ogni paziente è di farli uscire dall’ospedale entro ventiquattro ore. Crediamo che sia meglio per i pazienti muoversi e recuperare le forze nella loro casa piuttosto che in ospedale.

Sollievo dai sintomi

Non promettiamo mai a un paziente che il suo dolore sarà ridotto a un livello specifico; nessun medico può garantire un risultato preciso con qualsiasi trattamento. Non facciamo miracoli, e non c’è magia qui. Non possiamo controllare il dolore di una donna. Ma possiamo promettere ai nostri pazienti che rimuoveremo ogni adesione e quanta più endometriosi possibile, pur non rimuovendo alcun organo a meno che non sia assolutamente necessario.

Sintomi ricorrenti

Ci sono alcuni rari casi in cui i sintomi di un paziente riaffiorano. Registriamo tutti i nostri interventi chirurgici in modo che possano essere rivisti dal chirurgo, se necessario. Ciò è particolarmente utile se il dolore di un paziente ritorna. Il chirurgo esaminerà questa videocassetta passo dopo passo con il loro team per discernere perché potresti ancora provare dolore. Facciamo sempre del nostro meglio per garantire che i pazienti ricevano la cura individuale e il trattamento di cui il loro corpo ha bisogno.

Siamo orgogliosi di avere un basso tasso di pazienti con recidiva dei sintomi. Lavoriamo instancabilmente fin dalla prima volta che entri nel nostro ufficio per comprendere appieno il tuo caso. Tuttavia, nessuno conosce i tuoi sintomi meglio di te. Aprendo le porte della comunicazione, paziente a un chirurgo, siamo in grado di venire con una corretta diagnosi e piano di trattamento al fine di garantire che avete la più alta probabilità di sollievo dai sintomi. Non possiamo dirvi quanti pazienti vengono da noi dopo aver avuto più interventi chirurgici altrove, solo per avere un minimo sollievo dai sintomi. Vogliamo lavorare con voi al fine di garantire Seckin MD è la vostra ultima tappa nel percorso verso la gestione del dolore endometriosi, e il primo passo è attraverso una comunicazione efficace.

Esistono modi non chirurgici per trattare l’endometriosi?

I medici di assistenza primaria spesso prescrivono farmaci come forma di trattamento conservativo per l’endometriosi prima di indirizzare i pazienti a un centro di riferimento. Alcuni pazienti trovano sollievo con i farmaci, mentre altri no. È veramente una base caso per caso. Tuttavia, questi farmaci di solito forniscono solo ai pazienti un sollievo temporaneo dei sintomi nel migliore dei casi. Ma possono essere utili se presi a seguito di un intervento chirurgico di asportazione completo e di successo al fine di garantire il pieno sollievo dei sintomi, con basso rischio di ritorno. Così i seguenti farmaci e metodi dovrebbero essere visti come ulteriori opzioni di trattamento che possono essere utilizzati per pre o post-chirurgia, al contrario di sostituti per il trattamento chirurgico per l’endometriosi.

  • Antidolorifici: Gli antidolorifici sono farmaci che dovrebbero ” uccidere il dolore.”Sono più spesso l’opzione che molti medici e pazienti scelgono di provare prima a fornire un sollievo temporaneo. I farmaci antinfiammatori non steroidei come l’iprofene sono i più comuni. Narcotici possono anche essere prescritti in casi di chirurgia endometriosi più gravi, ma questi portano il rischio di dipendenza e dipendenza e successivamente non sono raccomandati soprattutto se il paziente scopre che i narcotici non hanno alcun effetto, il loro dolore è andato via, i loro effetti collaterali sono peggiori dei loro sintomi, o hanno bisogno di prendere un dosaggio più elevato.
  • Antagonista del progesterone (terapia ormonale): Il progesterone, un ormone rilasciato dalle ovaie, ha livelli mutevoli che dettano i periodi mestruali. Poiché un alto tasso di mestruazioni retrograde è una delle cause primarie dell’endometriosi, il controllo di questo processo attraverso farmaci agonisti del progesterone può essere molto utile, specialmente nei casi di fibromi. Questi ormoni possono essere assunti tramite farmaci orali, iniezione o anche come dispositivo intrauterino (IUD) come la bobina Mirena.
     Mirena coil, IUD, antagonista del progesterone o terapia ormonale
    La Mirena coil è uno IUD che può servire come antagonista del progesterone o terapia ormonale che alla fine può aiutare a ridurre i sintomi dell’endometriosi.
  • Controllo delle nascite: le pillole anticoncezionali, la maggior parte delle quali contengono gli ormoni estrogeni e progestinici, impediscono alle ovaie di una donna di eseguire l’ovulazione. L’assunzione di queste pillole può ridurre il sanguinamento pesante che un paziente endometriosi può sperimentare durante il suo periodo. Ciò diminuirà anche le mestruazioni retrograde, una probabile causa di endometriosi.
  • Nutrizione: Come i farmaci, una dieta che funziona bene per un paziente non può per un altro. Se il tuo corpo ti sta dicendo che non vuole un certo cibo, saresti intelligente per rimuovere quel cibo dalla tua dieta. In generale, i pazienti con endometriosi dovrebbero considerare di tagliare cibi infiammatori come zucchero bianco, latticini, oli da cucina comuni, grassi trans, cibi fritti, alimenti trasformati, carne rossa, alcol e grano. Invece, antiossidanti (bacche, ananas, ecc.) e gli alimenti biologici sono consigliati.
  • Agopuntura: L’agopuntura è un sistema di medicina basato sui concetti di flusso energetico e sulla necessità del corpo di mantenere l’omeostasi (equilibrio fisiologico). Il dolore causato dall’endometriosi produce uno squilibrio nel corpo, e mentre non stiamo in alcun modo affermando che questo metodo può liberare il paziente da sospetta malattia, l’agopuntura può essere utile per alleviare i sintomi. Infatti, il controllo associato dolore pelvico e infertilità attraverso questo metodo è stato dimostrato di essere efficace da diversi studi scientifici.
  • Uova congelate: le donne spesso scoprono di avere l’endometriosi quando tentano di concepire i bambini. Per le donne che cercano di avere figli ad un certo punto della loro vita, può essere molto utile per loro di congelare le uova presto se hanno una storia familiare di endometriosi o sono preoccupati per la fertilità.

Terapia farmacologica& Endometriosi

Purtroppo, le donne e le ragazze sono spesso lasciate a “gestire” il disagio dell’endometriosi con potenti antidolorifici e ormoni, entrambi i quali si limitano a mascherare la malattia. Questi pazienti sono spesso indotti in errore a credere che sopprimendo i sintomi che stanno trattando la malattia. Ciò si traduce generalmente nella progressione della malattia – i sintomi peggiorano e non rispondono più ai farmaci. È vero che la terapia farmacologica può offrire qualche sollievo per i sintomi dell’endometriosi, ma non aiuta a correggere il problema sottostante. La terapia farmacologica e ormonale ha di conseguenza causato a molte donne un lungo ritardo nella diagnosi e nel trattamento efficaci. Ciò ha portato a molti interventi chirurgici “hit or miss” con alti tassi di recidiva e, purtroppo, migliaia di isterectomie inutili. Il trattamento definitivo dell’endometriosi NON è l’isterectomia o la rimozione dell’ovaio, ma invece l’escissione completa della malattia.

Domande frequenti

Perché la chirurgia di escissione è favorita rispetto ad altre forme di chirurgia?

La chirurgia di escissione dell’endometriosi è raccomandata rispetto ad altri metodi chirurgici a causa della loro natura distruttiva. Queste tecniche, cioè l’ablazione laser e la fulgurazione elettrica, sono inefficaci perché non rimuovono tutta l’endometriosi. Con questi interventi chirurgici, la maggior parte dei pazienti ha il ritorno del dolore in meno di un anno. Ancora più importante, questi metodi non consentono la conferma della diagnosi visiva da parte di un patologo perché il tessuto non viene effettivamente rimosso, ma distrutto. Ciò che rende la chirurgia di escissione il modo più efficace per trattare l’endometriosi è che non elimina la punta della malattia, come fa la chirurgia laser. Non brucia neanche il tessuto. Piuttosto, rimuove il tessuto infiammatorio dalla sua radice. Inoltre, il chirurgo non solo rimuove il tessuto malato e danneggiato, ma ricostruisce anche abilmente gli organi e ripristina la loro funzionalità.

La chirurgia di escissione profonda è comune?

In questo momento, solo una manciata di medici esegue questo tipo di intervento chirurgico. Imparare e perfezionare la procedura richiede estrema esperienza, conoscenza, tempo, precisione, destrezza e pazienza. E l’esperienza nell’esecuzione della chirurgia dell’endometriosi non può essere definita senza la capacità di trattare conseguenze e complicanze non intenzionali. È anche imperativo che ogni chirurgo dell’endometriosi abbia le competenze precise per suturare e legare i tessuti e restituire un organo esattamente dove dovrebbe essere. Gli organi devono anche funzionare bene dopo l’intervento chirurgico. In sintesi, le competenze richieste includono non solo la tecnica, ma anche meticoloso controllo del sanguinamento, riparazione sutura, e la ricostruzione, e il restauro di organi. A causa della grande esperienza che è richiesta, pochi chirurghi sono in grado di eseguire un intervento chirurgico di asportazione profonda. Tuttavia, è ancora la forma di maggior successo della chirurgia dell’endometriosi e dovrebbe essere ricercata dai pazienti che cercano la più alta probabilità di sollievo dai sintomi.

Qual è la differenza tra l’escissione e la resezione?

La chirurgia di resezione è la rimozione del tessuto malato, ma la procedura non conferma che tutto il tessuto malato è stato rimosso. La chirurgia di escissione, d’altra parte, assicura la rimozione completa, senza bordi (cioè senza lasciare nulla dietro) del tessuto cicatriziale. Questa frase, “rimozione senza bordi”, è importante prendere nota, poiché gli interventi di resezione spesso non garantiscono la rimozione completa delle lesioni malate perché non possono garantire che il tessuto malato non si sia diffuso ai confini circostanti. Questo è uno dei motivi principali è così importante trovare un chirurgo che può garantire la chirurgia completa e non solo la chirurgia di resezione.

Come viene utilizzata la patologia in questo tipo di intervento chirurgico?

Uno degli aspetti più critici della chirurgia di escissione profonda è la conferma di una diagnosi di endometriosi da parte di un patologo. A differenza di altre forme di chirurgia dell’endometriosi, questa chirurgia conserva il tessuto cicatriziale rimosso in modo che possa essere somministrato a un patologo, che vede il campione sotto ingrandimento del microscopio. Il patologo riporta l’entità dei cambiamenti infiammatori causati dall’endometriosi, incluso lo stato senza frontiere (cioè se qualcosa è stato lasciato indietro), e esclude anche se ci sono cambiamenti cancerosi delle cellule dell’endometriosi. La descrizione dettagliata di dove questi sono presi da, la loro dimensione e il numero di campioni rimossi può rivelare la tenacia e l’abilità del chirurgo. La revisione della patologia è un punto importante sulla qualità della chirurgia verificando la completezza della procedura.

Cosa significa “chirurgia laparoscopica”?

Cosa rende la chirurgia di escissione così efficace?

Uno studio recente dalla Svezia suggerisce che i pazienti con endometriosi che sono stati trattati con chirurgia di escissione avevano una ridotta incidenza di cancro ovarico rispetto ai pazienti con endometriosi che non hanno avuto un intervento chirurgico di escissione. Allo stesso modo, studi controllati hanno dimostrato che, rispetto ad altri interventi chirurgici, la chirurgia di escissione offre il miglior risultato per alleviare il dolore e un impatto positivo sulla qualità della vita. Se trattare qualcosa di significativo come il bacino congelato o piccolo come una singola lesione peritoneale, il gold standard è quello di asportare la malattia senza lasciare alcuna endometriosi alle spalle. Ciò che viene asportato è il tessuto infiammatorio del peritoneo con le sue cicatrici periferiche e profonde che si estendono a piccoli nervi e capillari. Inoltre, solo la tecnica di escissione può affrontare il trattamento per tutti i sintomi dell’endometriosi, tra cui dismenorrea (periodi dolorosi), dispareunia (rapporti sessuali dolorosi), dischezia (movimenti intestinali dolorosi) e dolore alle gambe e alla schiena con le mestruazioni.

Quindi, i chirurghi possono trattare e” curare ” la mia endometriosi?

Questa è una grande domanda a scopo di chiarimento. Mentre non esiste una cura per l’endometriosi, ci sono opzioni di trattamento che possono aiutare ad alleviare i sintomi che molti pazienti riferiscono ha drasticamente migliorato la loro qualità della vita. Dopo aver ricevuto il trattamento chirurgico adeguato per il loro caso particolare, molti pazienti hanno trovato sollievo da sintomi come periodi dolorosi, anomalie GI, sesso doloroso, movimenti intestinali dolorosi, e anche in alcuni casi, infertilità. Tuttavia, il trattamento dell’endometriosi è un campo che richiede ancora molta ricerca, motivo per cui non c’è mai una garanzia sicura di sollievo dai sintomi nel trattamento dell’endometriosi.

Cos’altro dovrei cercare in uno specialista?

Affinché un chirurgo di escissione endometriosi di utilizzare le loro abilità per il trattamento, devono prima avere familiarità con tutte le apparenze di endometriosi. Le lesioni tipiche sono rapidamente visualizzate con colori variabili dal rosso al nero, ma sono sempre in inferiorità numerica dall’endometriosi atipica e microscopica, che non è facilmente riconoscibile. I chirurghi inesperti che non praticano la chirurgia di escissione dell’endometriosi possono perdere queste lesioni occulte e profonde. L’angiogenesi e il processo infiammatorio che si sta verificando anche nel peritoneo devono essere riconosciuti in aggiunta alle lesioni tipiche e atipiche dell’endometriosi.

  1. Ospedali Pazienti fuorvianti sui benefici della chirurgia robotica, lo studio suggerisce
  2. Che cos’è la chirurgia laparoscopica? WebMD

Collegamenti correlati:

  • Esamina il mio caso
  • 5 Cose da fare prima della chirurgia dell’endometriosi
  • Il medico ti vedrà ora: Riconoscere e Curare l’Endometriosi

Medicalmente rivisto da Domatore Seckin, MD Maggio 15, 2020

Miomectomia: Sintomi, Tipologie, Recupero, i Rischi e le Complicazioni

Panoramica Se una donna ha fibromi, ma vuole conservare la sua fertilità, una miomectomia potrebbe essere la migliore…

Miomectomia: Sintomi, Tipi di Recupero, i Rischi e le Complicazioni

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.