Gruppi di discepolato

“I piccoli gruppi non funzionano. Piccoli gruppi sono cose che ci inducono a credere che stiamo seriamente facendo discepoli. Il problema è che il 90% dei piccoli gruppi non produce mai un solo discepolo. Aiutano i cristiani a stringere amicizie superficiali, di sicuro. Sono grandi nell’aiutare i cristiani a sentire una tenue connessione con la loro chiesa locale but ma quando si tratta di creare il tipo di discepoli olistici che Gesù immaginava, la decisione della giuria è tornata molto tempo fa – piccoli gruppi non funzionano” – Brian Jones

Le Scritture chiamano ogni credente ad assumersi la responsabilità di coltivare la “crescita dei discepoli” negli altri. Paolo incoraggia gli Efesini a impegnarsi nel ‘dire la verità nell’amore gli uni agli altri’ (4:15). Ciò significa riconoscere che momenti apparentemente insignificanti nelle nostre interazioni quotidiane e opportunità di ministero sono in realtà pieni di significato e pieni di opportunità. Ogni momento, ogni interazione, ogni piccolo o grande raduno di gruppo, ci presenta un’opportunità unica per promuovere il nostro discepolato e il discepolato degli altri.

Se l’obiettivo di ogni ministero è quello di fare discepoli e, cosa più importante, di fare discepoli che fanno discepoli (discepoli che fanno discepoli) allora dobbiamo tornare a due questioni fondamentali:

1. Teologicamente parlando:
Che aspetto ha un discepolo di Cristo, che cosa è un discepolo chiamato a fare/essere?

2. In pratica:
Quali processi e attività o ministeri devono essere messi in atto all’interno dei nostri piccoli gruppi (“o un nome più appropriato potrebbe essere “Gruppi di discepolato”) per raggiungere nel modo più efficace tale obiettivo?

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.