Quando le piante si svegliano-Scopri la dormienza delle piante nel giardino

Dopo mesi di inverno, molti giardinieri hanno la febbre primaverile e un terribile desiderio di rimettere le mani nella sporcizia dei loro giardini. Il primo giorno di bel tempo, ci dirigiamo verso i nostri giardini per vedere cosa sta spuntando o germogliando. A volte, questo può essere deludente, poiché il giardino sembra ancora morto e vuoto. Nei giorni e nelle settimane a seguire, molte delle piante inizieranno a mostrare segni di vita, ma la nostra attenzione si rivolge alle piante che ancora non stanno germogliando o spuntando.

Il panico può iniziare a chiedersi se la pianta è dormiente o morta. Possiamo cercare su internet con la vaga domanda: quando le piante si svegliano in primavera? Naturalmente, non c’è una risposta esatta a questa domanda perché dipende da troppe variabili, come quale pianta è, in quale zona vivi e dettagli precisi del tempo che la tua zona ha vissuto. Continua a leggere per imparare a dire se le piante sono dormienti o morti.

Informazioni sulla dormienza delle piante

Questo è probabilmente accaduto almeno una volta ad ogni giardiniere; la maggior parte dei verdi del giardino, ma una o più piante sembrano non tornare indietro, quindi iniziamo a supporre che sia morta e potrebbe persino scavarla per smaltirla. Anche i giardinieri più esperti hanno commesso l’errore di rinunciare a una pianta che aveva solo bisogno di un po ‘ di riposo in più. Sfortunatamente, non esiste una regola che dice che ogni pianta uscirà dalla dormienza entro il 15 aprile o qualche altra data esatta.

Diversi tipi di piante hanno diversi requisiti di riposo. Molte piante hanno bisogno di una certa lunghezza di freddo e dormienza prima che il calore della primavera li inneschi a svegliarsi. In inverni anormalmente miti, queste piante potrebbero non ottenere il loro periodo freddo richiesto e potrebbe essere necessario rimanere dormienti più a lungo, o potrebbe anche non tornare affatto.

La maggior parte delle piante sono anche molto in sintonia con la lunghezza della luce del giorno e non uscirà dalla dormienza fino a quando i giorni diventano abbastanza lunghi per soddisfare le loro esigenze di luce solare. Ciò può significare che durante una primavera particolarmente nuvolosa e fresca, rimarranno dormienti più a lungo di quanto non abbiano nelle precedenti sorgenti calde e soleggiate.

Tieni presente che le piante non si sveglieranno esattamente nella stessa data che hanno fatto negli anni precedenti, ma tenendo traccia delle tue piante specifiche e del tempo locale, puoi avere un’idea dei loro requisiti generali di dormienza. Oltre alla normale dormienza invernale, alcune piante possono anche andare dormienti in diversi periodi dell’anno. Ad esempio, effimeri primaverili come Trillium, Dodecatheon e campanule della Virginia escono dalla dormienza all’inizio della primavera, crescono e fioriscono attraverso la primavera, ma poi diventano dormienti quando inizia l’estate.

Gli effimeri del deserto, come il crescione dell’orecchio del topo, escono dalla dormienza solo durante i periodi umidi e rimangono dormienti durante i periodi caldi e asciutti. Alcune piante perenni, come i papaveri, possono andare dormienti durante i periodi di siccità come autodifesa, poi quando la siccità passa, tornano fuori dalla dormienza.

Segni una pianta è dormiente

Fortunatamente, ci sono alcuni modi per determinare se una pianta è dormiente o morta. Con alberi e arbusti, è possibile eseguire quello che è noto come il test snap-scratch. Questo test è semplice come sembra. Basta provare a scattare un ramo dell’albero o arbusto. Se scatta facilmente e sembra grigio o marrone in tutto il suo interno, il ramo è morto. Se il ramo è flessibile, non scatta facilmente, o rivela carnoso verde e / o bianco interni, il ramo è ancora vivo.

Se il ramo non si rompe affatto, puoi grattare via una piccola parte della sua corteccia con un coltello o un’unghia per cercare la carnosa colorazione verde o bianca sottostante. È possibile che alcuni rami su alberi e arbusti muoiano durante l’inverno, mentre altri rami sulla pianta rimangono vivi, quindi mentre esegui questo test, potare i rami morti.

Le piante perenni e alcuni arbusti potrebbero aver bisogno di esami più invasivi per determinare se sono dormienti o morti. Il modo migliore per controllare queste piante è scavarle ed esaminare le radici. Se le radici delle piante sono carnose e dall’aspetto sano, ripiantare e dargli più tempo. Se le radici sono secche e fragili, pastose o altrimenti ovviamente morte, scartare la pianta.

” A tutto c’è una stagione.”Solo perché siamo pronti per iniziare la nostra stagione di giardinaggio, non significa che le nostre piante siano pronte per iniziare la loro. A volte, dobbiamo solo essere pazienti e lasciare che Madre Natura faccia il suo corso.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.